Tom Leighton, il fascino delle città nel buio della notte

Tom Leighton, il fascino delle città nel buio della notte

Giulia Guido · 4 mesi fa · Photography

Cosa succede tra le strade delle grandi metropoli quando il sole cala e il buio copre ogni cosa? Che cosa accade alle piazze affollate, agli uffici, ai negozi? Per nostra fortuna c’è chi di notte, al posto di riposarsi e dormire, esce di casa e affascinato dallo spettacolo che prende vita quando le luci si spengono inizia a fotografare. Tom Leighton è un artista, fotografo e tipografo inglese che da anni gira il mondo, da Londra a Hong Kong, in cerca di scorci e di scenari da fotografare. 

Profondamente affascinato dagli ambienti urbani, Tom Leighton lavora quasi sempre di notte, fotografando le strade deserte, gli edifici che perdono il loro scopo e diventano degli imponenti monoliti, le insegne luminose che sembrano sospese tra la terra e il cielo. 

Tra i suoi lavori quello che ha catturato maggiormente la nostra attenzione sono le due serie fotografiche realizzate a Tokyo. La capitale giapponese conta più di 9 milioni di abitanti, ma negli scatti di Tom Leighton appare quasi deserta, sembra essere stata abbandonata da tutti. 

Così, senza tutte quelle persone che affollano la città di giorno, l’occhio del fotografo può posarsi sui dettagli, sulle forme dei palazzi, sugli scorci, sulle simmetrie, invitandoci a riscoprire con lui questi paesaggi urbani. 

“Leighton ci chiede di riconsiderare le nostre città, cosa sono e cosa potrebbero diventare.”

Noi abbiamo selezionato solo alcune delle sue fotografie, ma per scoprire tutti i progetti di Tom Leighton visitate il suo sito, il suo profilo Instagram e la sua pagina Behance

Tom Leighton, il fascino delle città nel buio della notte
Photography
Tom Leighton, il fascino delle città nel buio della notte
Tom Leighton, il fascino delle città nel buio della notte
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
La fotografia analogica e femminile di Tamara Lichtenstein

La fotografia analogica e femminile di Tamara Lichtenstein

Giulia Guido · 4 mesi fa · Photography

Potrebbero essere dei frame di un film, o le fotografie di un diario personale degli anni ’80. Gli scatti analogici di Tamara Lichtenstein racchiudono una bellezza senza tempo che non stanca mai. 

Originaria della Bolivia, Tamara vive a Hudston, in Texas, e ha iniziato a fotografare quando era ancora una ragazzina, quando sua madre le ha regalato una macchina fotografica e ha deciso di incanalare tutta la sua creatività negli scatti che realizzava. 

Oggi quello di Tamara Lichtenstein è uno nome riconosciuto a livello internazionale e, oltre a collaborare con diversi brand e clienti, ha realizzato diversi progetti personali che hanno letteralmente catturato la nostra attenzione e il nostro cuore.

Al centro della ricerca artistica di Tamara troviamo sicuramente l’universo femminile e le sue sfaccettature: sfogliando i suoi scatti incontriamo volti e corpi senza filtri, avvolti dalla loro naturale bellezza. 

La grana e lo stile della fotografia analogica abbinati a un perfetto utilizzo della luce e agli effetti dati dalla doppia esposizione, tecnica ricorrente negli scatti di Tamara, donano alle fotografie uno stile cinematografico impossibile da dimenticare. 

Qui sotto potete trovare una selezione degli scatti, ma per scoprine di più visitate il sito e il profilo Instagram di Tamara Lichtenstein.  

La fotografia analogica e femminile di Tamara Lichtenstein
Photography
La fotografia analogica e femminile di Tamara Lichtenstein
La fotografia analogica e femminile di Tamara Lichtenstein
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Le architetture surreali di Frank Kunert

Le architetture surreali di Frank Kunert

Emanuele D'Angelo · 4 mesi fa · Art, Photography

Grazie alla meticolosa maestria artigianale di Frank Kunert, a volte ci vuole qualche istante perché lo spettatore si renda conto che sta guardando un modellino. Molte delle fotografie sembrano raffigurare una scena quotidiana di vita domestica, una stanza da pranzo, un asilo nido, ad eccezione dell’inserimento di un singolo dettaglio stridente, un suo marchio di fabbrica.

Le miniature fatte a mano dell’artista tedesco ricreano scene apparentemente normali che, a un ulteriore esame, rivelano uno scenario surreale.
In Under The Bridge, una colonna di supporto per un volantino dell’autostrada è stata trasformata in una dolce casetta a schiera, mentre in Climbing Holidays un motel sul ciglio della strada è accessibile solo attraverso una scala a pioli.

“Spero che lo spettatore si diverta, ma che senta anche la malinconia delle mie opere e l’ambivalenza della vita, la commedia e la tragedia del nostro cosiddetto mondo civile”

In One Bedroom Apartment, una porta si apre su una casa a forma di armadio con un materasso incastrato ad angolo sopra un gabinetto, mentre un grazioso balcone con alberi e un ombrellone sporge in modo incongruo dal lato di una centrale elettrica che erutta inquinamento in Small Paradise.

Per Place In The Sun, usa i balconi per illustrare la vita degli abbienti e dei non abbienti, dove una nuova e bellissima villa ha una terrazza all’aperto che sporge a sbalzo sul balcone del vicino di casa, bloccando la luce.

Qui sotto puoi trovare altri suoi lavori, ma per scoprirli tutti visita il suo sito!

Le architetture surreali di Frank Kunert
Art
Le architetture surreali di Frank Kunert
Le architetture surreali di Frank Kunert
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Lo spot di M&C Saatchi per Promote Iceland ispirato alla terapia dell’urlo

Lo spot di M&C Saatchi per Promote Iceland ispirato alla terapia dell’urlo

Giulia Pacciardi · 4 mesi fa · Art

Girata durante il periodo di lockdown, uno dei momenti più stressanti e frustranti che abbiamo vissuto negli ultimi anni, la prima campagna dell’agenzia pubblicitaria M&C Saatchi London per Promote Iceland è un invito a lasciar uscire fuori dal nostro corpo tutto il peso che sentiamo dentro.

Si chiama Let it out, ed è ispirata alla terapia dell’urlo, uno strumento terapeutico sviluppato negli anni ’70 per aiutare le persone a liberarsi delle emozioni represse allontanando lo stress accumulato.

Se non pensate funzioni, potete provare andando sul sito “Looks like you need to Let It Out”, registrando un vostro urlo e lasciando che quest’ultimo si propaghi tramite delle casse posizionate in sette località dell’Islanda tra cui Festarfjall, nella penisola di Reykjanes, Djúpivogur, a est, e la cascata di Skógafoss a sud.

Mentre aspettate di potervi riappropriare dei vostri viaggi e del vostro pianeta, mandate in esplorazione la vostra voce nel luogo che, secondo voi, dovrebbe essere il primo ad accogliervi.

Lo spot di M&C Saatchi per Promote Iceland ispirato alla terapia dell’urlo
Art
Lo spot di M&C Saatchi per Promote Iceland ispirato alla terapia dell’urlo
Lo spot di M&C Saatchi per Promote Iceland ispirato alla terapia dell’urlo
1 · 3
2 · 3
3 · 3
Il nuovo set LEGO dedicato a Nintendo

Il nuovo set LEGO dedicato a Nintendo

Giulia Guido · 4 mesi fa · Art

Siete dei grandi amanti dei videogiochi vintage? Ricordate con nostalgia le vecchie console Nintendo e i primissimi giochi di Super Mario? LEGO arriva in vostro aiuto con un nuovissimo set dedicato a Nintendo e al Nintendo Entertainment System.

Dal 1° agosto, con 2.646 mattoncini colorati, potrete costruire una dettagliatissima riproduzione della console NES. Infatti, oltre alla console, il set comprenderà uno slot di apertura per il Game Pak, un controller, una TV in stile retrò con schermo a scorrimento che riproduce un livello del classico Super Mario Bros e un mattoncino multifunzionale che può essere connesso al televisore e interagire con i nemici e gli ostacoli.

Con il suo stile vintage e le dimensioni contenute – la TV misura 22,5×23,5x16cm – il NES firmato LEGO si trasforma in un vero e proprio oggetto da collezione da mettere in bella vista in ogni luogo della casa. 

Con il Nintendo Entertainment System, inoltre, LEGO continua il suo percorso di produzione di set pensati soprattutto per gli adulti, in questo caso aiutandoli a fare un salto nel passato, ricordando i videogiochi che facevano da ragazzini. 

Scopri qui tutti i dettagli del set e visita il sito per conoscere tutte le prossime uscite LEGO. 

Il nuovo set LEGO dedicato a Nintendo
Art
Il nuovo set LEGO dedicato a Nintendo
Il nuovo set LEGO dedicato a Nintendo
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9