La pre-collection uomo Spring/Summer 2021 di Off-White™

La pre-collection uomo Spring/Summer 2021 di Off-White™

Andrea Tuzio · 3 mesi fa · Style

Una riflessione sulla contemporaneità quella di Off-White™ nella pre-collection uomo Spring/Summer 2021 chiamata “What Stars Are You Under?”

Virgil Abloh ha provato a immortalare i cambiamenti del mondo e della realtà che ci circonda e che ha subito degli scossoni senza precedenti come la pandemica di Covid-19 e le proteste scatenatesi dopo la morte di George Floyd.

Nonostante la collezione in sé sia potente e decisa, sartorialità e accessori dal design preciso e unico, quello che colpisce di più in assoluto è il messaggio che Abloh vuole trasmettere con questa pre-collection SS21. 
Le stampe e i look sono un un riferimento ai tempi che stiamo vivendo e una critica alla classe dirigente, al potere nella sua accezione più ampia: 
un paio di guanti con la frase “I Support Young Black Businesses”, un bomber con una stampa di una scena quasi intimistica, dimessa (finestre con luci accese su case scure e oscure), pantaloni formali con stampe caricaturali che richiamano i gremlin e camicie coperte da graffiti.

Gli stivali a punta con fibbia e le sneaker finto usurate completano la dicotomia tra la forma e il messaggio.
Rifiniscono la collezione borse in pelle di altissima qualità e di stampo minimale.

Qui di seguito potete dare un’occhiata alla pre-collection uomo Spring/Summer 2021 “What Stars Are You Under?”.

La pre-collection uomo Spring/Summer 2021 di Off-White™
Style
La pre-collection uomo Spring/Summer 2021 di Off-White™
La pre-collection uomo Spring/Summer 2021 di Off-White™
1 · 23
2 · 23
3 · 23
4 · 23
5 · 23
6 · 23
7 · 23
8 · 23
9 · 23
10 · 23
11 · 23
12 · 23
13 · 23
14 · 23
15 · 23
16 · 23
17 · 23
18 · 23
19 · 23
20 · 23
21 · 23
22 · 23
23 · 23
Simon Porte Jacquemus, una ventata d’aria fresca

Simon Porte Jacquemus, una ventata d’aria fresca

Andrea Tuzio · 3 mesi fa · Style

Pochi giorni fa, poco fuori Parigi in un contesto bucolico e romantico, è stata presentata la collezione Spring/Summer 2021 di Jacquemus chiamata “L’Amour”
In occasione di questo magnifico show, che ci ha regalato un ricongiungimento con le cose semplici e quindi le più importanti, abbiamo scelto di raccontare in maniera più approfondita la mente e il cuore dietro questa ventata d’aria fresca, Simon Porte Jacquemus.

Nato nel 1990 nel sud della Francia, vicino a Salon-de-Provence, Simon vive la sua infanzia in un luogo lontanissimo dal glamour delle passerelle parigine, immerso nel calore familiare soprattutto in quello di sua madre Valérie. Proprio per lei crea il suo primo capo, a soli 8 anni, ovvero una gonna realizzata grazie a una tenda di lino e a del pizzo, indossata da Valérie sempre con estremo orgoglio. 

La passione per la moda però lo spinge fuori da quel contesto provenzale e armonioso.

Una volta portato a casa il diploma, lascia tutto e si trasferisce nella tanto agognata Parigi dove inizia finalmente a studiare moda presso l’ESMOD (L’École supérieure des arts et tecniche de la mode), ma l’esperienza si rivela fallimentare. Tutto ciò che lo circonda non gli assomiglia, è tutto così diverso da come se lo immaginava ma, ciò che più di ogni altra cosa mette in difficolta il giovane Simon, è la morte dell’amata madre Valérie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simon-jacquemus-collater.al-2.jpg

La tenacia, la forza e l’assoluta convinzione nei propri mezzi, portano Simon a superare tutte le difficoltà che la vita gli mette di fronte e a realizzare i sogni, rimasti intatti, di quel bambino di 8 anni.

A soli 19 anni, solo, senza investitori e con i pochi soldi messi da parte (1000 euro), nel 2009 fonda il suo brand, Jacquemus

Le prime collezioni realizzate tendono alla semplicità, all’essenzialità. Le presentazioni avvengono su Tumblr, le modelle sono le sue amiche, una scelta necessaria vista la scarsezza di risorse ma questo non intacca qualità e bellezza del suo lavoro tanto che Emmanuelle Alt, caporedattrice di Vogue Paris, dedica al giovane Simon molta attenzione. Le prime modelle professioniste, Simon le contatta tramite il suo account Facebook, un approccio digitale ante-litteram che però sarà la base della comunicazione e del successo del brand.

Nel 2012, a 22 anni, viene invitato a partecipare alla Paris Fashion Week e ciò che più di ogni altra cosa stuzzica l’interesse di tutti è l’evidenza da parte di Simon di iniziare sempre da una storia e mai dai vestiti, la immagina, la sviluppa e poi crea le sue collezioni. Il designer autodidatta inizia a mostrare le basi e le ispirazioni che costituiscono, e che costituiranno, il suo lavoro: il ricordo di sua madre sempre vivo e tangibile; la sua terra natia, il sud della Francia, la Provenza; l’idea del “tutto e niente”; i materiali semplici e grezzi come la lana, il cotone, il lino. 

Simon Porte Jacquemus è un narratore che da più di 10 anni fa lo stilista ed è proprio questo aspetto che lo differenzia da tutti gli altri designer: da un punto di vista emotivo e artistico le sue collezioni regalano sorrisi e gioie, serenità e purezza grazie al suo stile unico, figlio dei suoi legami più profondi. 

La narrazione avviene su più livelli e i social network hanno un’importanza centrale nel divulgarla. 

Non solo la passerella, Simon utilizza Instagram come nessun altro stilista al mondo, raccontando la storia di sua madre, di sua nonna e degli uomini e delle donne che lo ispirano. Sapori e odori, colori e suoni che sono tangibili e comprensibili nell’immediato e che hanno avuto concretizzazione grazie alla realizzazione di due ristoranti a Parigi, il Café Citron e l’Oursin, l’ennesima manifestazione dell’animo e della visione del giovane designer francese. 

Da quella gonna in pizzo e lino ricavata da una tenda, oggi Simon Porte Jacquemus, è al timone di una maison di lusso prêt-à-porter da oltre 23 milioni di euro (ricavi 2019) e non solo. Perché la cosa più importante di tutte è che questo giovane rivoluzionario ha insegnato e continua a insegnare, attraverso i suoi “racconti” fatti di semplicità, quotidianità e genuinità, che tutti sono liberi di vivere i propri sogni senza paura e che le nuove tecnologie inaridiscano l’animo, anzi, consapevoli che se “sfruttate” nel modo giusto, diventano soltanto un nuovo capitolo di quella che è una storia lunga e piena di successi.

Simon Porte Jacquemus, una ventata d’aria fresca
Style
Simon Porte Jacquemus, una ventata d’aria fresca
Simon Porte Jacquemus, una ventata d’aria fresca
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
Il CFDA ha rivelato i candidati per i Fashion Awards 2020

Il CFDA ha rivelato i candidati per i Fashion Awards 2020

Andrea Tuzio · 3 mesi fa · Style

Il Council of Fashion Designers of America ha appena rivelato, sul proprio profilo Instagram, le nomination per i Fashion Awards 2020.

L’evento si sarebbe dovuto svolgere lo scorso 8 giugno ma è stato rinviato a tempo indeterminato a causa della pandemia di COVID-19, i vincitori nelle diverse categorie verrano poi svelati il 14 settembre sui canali social del CFDA e su CFDA.com, evento che sancirà l’inizio della settimana della moda di New York.

“In questo periodo di sfide e cambiamenti senza precedenti per il nostro settore, sentiamo molto fortemente che è importante individuare i candidati che rappresentano il meglio della creatività della moda”, ha dichiarato Tom Ford, presidente del CFDA. “Non vediamo l’ora di tornare a una celebrazione in presenza, in onore dell’industria della moda americana nel 2021”

Qui di seguito le nomination svelate dal CFDA:

https://www.instagram.com/p/CC3PaDShBw7/
Il CFDA ha rivelato i candidati per i Fashion Awards 2020
Style
Il CFDA ha rivelato i candidati per i Fashion Awards 2020
Il CFDA ha rivelato i candidati per i Fashion Awards 2020
1 · 1
Brain Dead e Slam Jam per  l’ONG Mediterranea

Brain Dead e Slam Jam per l’ONG Mediterranea

Andrea Tuzio · 3 mesi fa · Style

Un’iniziativa per aumentare consapevolezza su un tema di fondamentale importanza e che riguarda tutti noi, Italia ed Europa su tutti, quella di Brain Dead e Slam Jam. Il brand fondato da Kyle Ng e la creatura di Luca Benini hanno unito le forze per raccogliere fondi da destinare all’ONG Mediterannea che, dopo mesi di sequestri e difficoltà, è tornata in mare per testimoniare e denunciare ciò che accade ogni giorno a migliaia di migranti nel mar Mediterraneo, nel rispetto delle leggi internazionali e del mare, comprese quelle che impongono, ove necessario, il salvataggio della vita umana.

A partire dalle 10 di oggi 21 luglio e per 5 giorni sarà disponibile una T-shirt in pre-order, frutto della collaborazione tra Brain Dead e Slam Jam, su slamjam.com e presso il nuovo negozio Brain Dead di Milano (C.So di Porta Ticinese 103) il cui ricavato sarà interamente devoluto all’ONG Mediterranea. 

Naturalmete è possibile effettuare una donazionein favore di Mediterranea a prescindere dall’acquisto della tee, per saperne di più potete cliccare qui.

Le T-shirt acquistate verranno spedite a partire dal 4 settembre 2021.

Brain Dead e Slam Jam per l’ONG Mediterranea
Style
Brain Dead e Slam Jam per l’ONG Mediterranea
Brain Dead e Slam Jam per l’ONG Mediterranea
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
Il lookbook Fall/Winter 2020 di Dickies Life

Il lookbook Fall/Winter 2020 di Dickies Life

Andrea Tuzio · 3 mesi fa · Style

Un rework delle silhouette classiche e alcune novità nel lookbook della Fall/Winter 2020 di Dickies Life.
La collezione attinge a piene mani dall’enorme archivio del brand reinterpretando l’abbigliamento da lavoro e sfruttando la sua versatilità. 
In netta contrapposizione con la collezione Spring/Summer 2020 (stampe all-over e capi coordinati), questa FW20 rappresenta uno svecchiamento dei classici item del brand fondato nel 1922 in Texas.

Gli scatti del lookbook sono ambientati in una città apparentemente deserta, dove a primeggiare sono i tradizionali item Dickies come il Work Pant Original 874, la Sacramento Shirt e l’Eisenhower Jacket. Non mancano gli sherpa, le giacche puffer, le hoodie, i vest, le longsleeve e le polo a maniche lunghe che completano una collezione molto ampia. 

La collezione Dickies Life Fall/Winter 2020 è già disponibile online mentre qui di seguito potete dare un’occhiata al lookbook.

Il lookbook Fall/Winter 2020 di Dickies Life
Style
Il lookbook Fall/Winter 2020 di Dickies Life
Il lookbook Fall/Winter 2020 di Dickies Life
1 · 17
2 · 17
3 · 17
4 · 17
5 · 17
6 · 17
7 · 17
8 · 17
9 · 17
10 · 17
11 · 17
12 · 17
13 · 17
14 · 17
15 · 17
16 · 17
17 · 17